Il sito www.ats16.it utilizza cookies tecnici e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Si evidenzia che, laddove non venga effettuata alcuna scelta e si decida di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, si acconsente all’uso di tali cookie.    OK, CHIUDI.

ATS16 Ambito Territoriale Sociale 16

COMITATO SISMA CENTRO ITALIA - PROGETTO RIGENERARE LA COMUNITA'

 

A  A-  A+

COMITATO SISMA CENTRO ITALIA - PROGETTO RIGENERARE LA COMUNITA'

 

Al via il progetto "RIGENERARE LA COMUNITA'

TRA I VINCITORI DEL BANDO -  COMITATO SISMA CEBTRO ITALIA

http://www.comitatosismacentroitalia.org/

Obbiettivo: favorire l’accesso alla persona, famiglie svantaggiate e negligenti residenti nei 15 Comuni dell' Ambito territoriale sociale XVI, presso la struttura la “Sorgente” situata nel Comune di Sa Ginesio – Villa Giuffrè, in cui vengono implementati le attività di seguito descritte e per i quali la rete pubblica non è in grado di assicurare il trasporto gratuito dal domicilio. L’importo richiesto attraverso il presente bando consentirà l'acquisto di un mezzo di trasporto con il quale effettuare il servizio e di attrezzatura necessari per poter rendere funzionale lo spazio al fine di attuare il progetto e le attività di seguito descritte.
Attività:

  1. Spesa solidale: la spesa solidale è un importante progetto di comunità per la sperimentazione di nuove soluzioni di contrasto alle povertà in particolare la realizzazione di un emporio solidale. Si propone di razionalizzare la raccolta alimentare ampliando la rete dei soggetti da coinvolgere e di rendere il più possibile dignitosa la distribuzione alle famiglie attraverso un luogo tipo “market” che permetta la scelta dei prodotti più adeguati alle esigenze delle famiglie. Non è un supermercato ma un luogo dove aiutare e dove educare all'alimentazione e lotta allo spreco. All’Emporio si può fare la spesa ma anche donare merce o fare del volontariato, ricambiando quanto ricevuto dall’Emporio tramite attività all’interno della struttura. Al suo interno è presente uno sportello di orientamento, informazione e attivazione personale su argomenti quali lavoro, servizio del territorio, accesso al credito, rispar-mio utenze etc... L'emporio è aperto due giorni a settimana:

I. Lunedì dalle ore 10.30 alle ore 12.30
II. Giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30
Per poter accedere alla SPESA SOLIDALE gli operatori presenti nelle associazioni, nei centri di ascolto o l’assistente sociale dell’Ambito Territoriale XVI compilano insieme al soggetto richiedente la scheda per la domanda di accesso all’Emporio di San Ginesio – La Sorgente - e presentano le richieste alla Commissione che si riunisce con cadenza mensile, costituita da: CARITAS di Loro Piceno, Gualdo, Monte San Martino, Penna San Giovanni, Sant’Angelo in Pontano (Arcidiocesi di Fermo) , CARITAS di San Ginesio, Passo San
Ginesio, Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Serrapetrona, Sarnano (Arcidiocesi di Camerino – San Severino Marche),CARITAS di Colmurano (Diocesi di Macerata),C.R.I. – COMITATO LOCALE DI SARNANO A.p.s.,Associazione ANTEAS,L’ALBERO DEI CUORI A.p.s.,Associazione di volontariato PARSIFAL ONLUS,ACLI - Sede provinciale di Macerata, ANFFAS SIBILLINI Onlus e Centro servizi per il volontariato CSV. La Commissione valuta ogni domanda pervenuta e la possibilità di accedere all’Emporio, affinché il richiedente possa usufruire del servizio ‘Spesa solidale’. Successivamente l’Assistente sociale dell’ATS 16 effettuerà un colloquio di approfondimento con la persona per comunicare l’eventuale ingresso all’Emporio, integrare la scheda informativa, sviluppare e organizzare il piano di intervento d’inclusione socio-lavorativa. Sarà compito dell’Assistente sociale condividere all’interno della Commissione il piano d’intervento sulla persona/ nucleo familiare, per coordinare le azioni e le risorse da mettere in atto per una presa in carico integrata. In seguito al colloquio con l’Assistente sociale, il beneficiario riceverà una Card con la quale potrà effettuare l’acquisto dei prodotti. La tessera avrà un punteggio base di 30 punti assegnati alla persona richiedente, e questi saranno integrati sulla base dei criteri e dei valori stabiliti. La tessera ha una durata di 6 mesi dopo i quali sarà necessario effettuare una nuova richiesta. La commissione riunita ha la capacità di aumentare o diminuire il punteggio stabilito analiticamente per casi ritenuti più bisogni o non meritevoli. Durante il periodo di presa in carico i componenti della Commissione e l’Assistente sociale dell’ATS 16 continueranno ad effettuare un monitoraggio e tutoraggio rispetto al piano d’intervento condiviso e concordato.

2. Centro per le Famiglie: il Centro per le Famiglie lavora con l'obiettivo di sostenere le famiglie negligenti presenti nel territorio dell' ATS XVI, offrendo loro servizi e spazi di condivisione e formazione. Famiglia non si nasce ma si diventa, l'Ambito Territoriale Sociale XVI riconosce quanto sia importante sviluppare un servizio che accompagna le famiglie nel loro percorso di crescita, che ascolta e recepisce i bisogni delle stesse, rendendole protagoniste del progetto e della risposta ai bisogni del territorio. Le aree di competenza sviluppate nel servizio sono: Area informazione: facilitare l’accesso delle famiglie alle informazioni dei servizi e opportunità presenti nel ter-ritorio. Realizzare e/o promuovere seminari ed incontri di approfondimento sulla famiglia; Area di sostegno alle competenze genitoriali: promuove-re percorsi educativi e di orientamento per la famiglia e sostegno alle famiglie accoglienti; Area dello sviluppo delle risorse familiari e comunitarie: attivazione e promozione di gruppi di famiglie, di gruppi di auto-mutuo aiuto e laboratori ludico- ricreativi.

Nel centro per famiglia viene realizzato il dispositivo “Gruppo Nel centro per famiglia viene realizzato il dispositivo


 Centro sociale sollievo: spazio d’integrazione e promozione del benessere, aperto e gratuito per tutti in particolare per soggetti svantaggiati in problemi di salute mentale. Nel centro sollievo sono previste le seguenti attività: CINEFORUM: il cineforum quale strumento terapeutico che permette al paziente di superare la passività nella accettazione degli stimoli, tramite l'acquisizione di un senso critico attraverso leggi di decodifica dei messaggi e un confronto con gli altri. Si individua nell'attività di cineforum un percorso riabilitativo come apprendimento di capacità atte a migliorare l'individuo, che ha come scopo la trasformazione da capacità potenziali in attitudini con questo tipo di iter: strumento audiovisivo (film) per indagare sulla realtà (analisi), per trarne una conoscenza (sintesi), conoscenza da valutare e confrontare con la realtà dalla quale deriva, comunicare poi questa conoscenza ad altri come bene comune (comunicazione), conoscenza da confrontare con le rispettive realtà, ed infine usare questa conoscenza per modificare e fare progredire la propria realtà attuale; GRUPPO EMOZIONALE-MUSICALE: Il gruppo è strutturato attraverso l’ascolto di un brano, la sua elaborazione e una riflessione personale spesso esperita con tecniche espressive;
GRUPPO PSICOEDUCATIVO ESPRESSIVO: La prima parte del gruppo è formata da un ascolto e accoglienza di ciò che i partecipanti decidono di condividere, il focus consiste nel potenziare i livelli di autonomia di ciascuno. Nella seconda parte si esprimono vissuti ed emozioni personali attraverso tecniche espressive. Il principale strumento il ricorso all’espressione artistica ha lo scopo di promuovere la salute e favorire la crescita di abilità. Le risorse utilizzate sono le potenzialità che ognuno di noi possiede, chi più chi meno, di elaborare il proprio vissuto e di esprimerlo creativamente verso una maggiore conoscenza e consapevolezza. Il centro dell’attività, più che sul prodotto artistico finale, è sul processo creativo in sé. Ciò che è importante è soprattutto l’esprimersi, il creare. L’atto di produrre un’impronta creativa, infatti, permette all’individuo di accedere agli aspetti più intimi e nascosti di sé, di contattare ed esprimere le emozioni più recondite e spesso inaspettate, e di sperimentare e potenziare abilità spesso ignorate o inutilizzate. In questo senso il processo creativo, al di là del contenuto e del risultato finale, è già terapeutico in sé.
Il centro sollievo è aperto tutti i lunedì dalle ore 9.00 alle ore 14.00.

 

 

Vedi anche... SERVIZI ED AREE