Il sito www.ats16.it utilizza cookies tecnici e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Si evidenzia che, laddove non venga effettuata alcuna scelta e si decida di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, si acconsente all’uso di tali cookie.    OK, CHIUDI.

ATS16 Ambito Territoriale Sociale 16

Autorizzazione e accreditamento delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale L.r. 20/2002

 

A  A-  A+

Le strutture e i servizi del territorio ai sensi della normativa regionale, sono soggetti ad autorizzazione da parte dei comuni ove sono ubicati.


Modalità e procedimento per richiesta autorizzazione e accreditamento - Commissione tecnico consultiva


1. Il richiedente invia la domanda al SUAP competente territorialmente tramite apposito modulo scaricabile dal sito dell’ ATS e dal SUAP, il quale provvederà ad accertare la regolarità della domanda di autorizzazione e accreditamento;
 2. qualora la domanda risulti regolare, il SUAP provvederà a inviare una richiesta di parere alla Commissione dell’Ambito territoriale sociale XVI composta da tecnici nominati durante il Comitato dei Sindaci del 18/03/2016 e presieduta dal Coordinatore il dott. Valerio Valeriani ed ulteriori altri enti necessari al rilascio dell’autorizzazione finale e acrceditamento;
 3. la commissione esaminata la domanda e dopo aver provveduto alla verifica dei requisiti strutturali ed organizzativi esprime il proprio parere entro i termini previsti dalla norma e lo invierà al SUAP per il rilascio del provvedimento finale;
 4. il SUAP rilascerà l’autorizzazione e l'accreditamento direttamente al richiedente una volta acquisiti tutti i pareri necessari.


L'accreditamento dovrà essere rinnovato ogni 3 anni direttamente dall'ufficio SUPA competente.


L'accreditamento e l'autorizzazione avvenuti dovranno essere comuinicati ai referenti regionali.


Giovanni Santarelli

Alla domanda è allegata la seguente documentazione ( vedere allegato):
a) relazione descrittiva delle principali caratteristiche strutturali, corredata di planimetria quotata e datata, con l’indicazione della superficie e dell’uso di ogni singolo vano, nonché delle planime-trie degli spazi esterni e delle pertinenze connesse alla struttura per la specifica attività, sottoscritte dal tecnico estensore e dal soggetto titolare;
b) dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, redatta ai sensi dell’articolo 47 del decreto del presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 44
5 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) e sottoscritta dal soggetto richiedente,attestante il rispetto della normativa vigente in materia di urbanistica, edilizia, antisismica,prevenzione incendi, igiene e sicurezza con indicazione della data di rilascio e dell’autorità amministrativa che ha rilasciato i certificati e gli altri atti amministrativi;
c) scheda relativa alla struttura per la quale si richiede l’autorizzazione, compilata nella colonna riservata alla risposta e firmata in ogni pagina ai sensi del d.p.r. 445/2000, di cui all’allegato A;
d) documentazione relativa al possesso dei requisiti di cui all’allegato A contrassegnati con un asterisco;
e) dichiarazione, a firma del soggetto richiedente,attestante la dotazione del personale in servizio nella struttura a regime, con l’indicazione del numero delle ore settimanali di servizio previste e della relativa qualifica professionale;
f) per le società e le associazioni, copia dell’atto costitutivo e dello statuto;
g) dichiarazione sostitutiva della certificazione antimafia, ove richiesta ai sensi della normativa vigente in materia

 

 

 

Allegati da scaricare: